Informazioni sul consumo ricreativo di sostanze psicoattive     Informazioni sul consumo ricreativo di sostanze psicoattive     Informazioni sul consumo ricreativo di sostanze psicoattive     Informazioni sul consumo ricreativo di sostanze psicoattive     Informazioni sul consumo ricreativo di sostanze psicoattive     Informazioni sul consumo ricreativo di sostanze psicoattive

L’ecstasy è un derivato sintetico delle anfetamine. Il principio attivo dell’ecstasy è l’MDMA (3,4metilenediossimetanfetamina, oppure 1( benzo[d] [1,3]diossol5il) Nmetilpropan 2ammina). 

Attenzione: Il contenuto di MDMA nelle pasticche e la purezza dei cristalli variano considerevolmente. Anche in futuro, ci saranno pasticche spacciate per XTC che contengono sottoprodotti di sintesi, prodotti di taglio altri principi attivi o combinazione di altri principi attivi (caffeina, anfetamina, m-CPP e PMA/PMMA, ecc.). Ogni pasticca dovrebbe essere analizzata (drug checking) oppure bisognerebbe provare mezza pasticca, attendere 2 ore e valutarne gli effetti.

 

ASPETTO

Pillole, polveri, più raramente in capsule o cristalli.

 

MODALITÀ DI CONSUMO

Le pasticche sono confezionate per essere ingerite. I cristalli di MDMA, principio attivo dell’ecstasy, sono solitamente ingeriti, raramente sniffati.

 

DOSAGGIO

Per gli uomini, max. 1.5 mg per chilo di peso corporeo; per le donne, 1.3 mg per chilo. A questi dosaggi, l’80% della serotonina disponibile è rilasciata.

 

Attenzione ai mix con...

Farmaci contro l’HIV (combinazioni di farmaci inibitori della proteasi), 2C-x, cocaina, metanfetamina e MAO-inibitori.

 

GRUPPO

Empatogeni, entactogeni 

 

icona empatogeni
Categoria psichedelici

 

  • Effetti Open or Close

    L’MDMA favorisce il rilascio di un neurotrasmettitore: la serotonina. Gli stimoli della fame e della sete diminuiscono, aumenta l’attenzione, la temperatura corporea e la pressione sanguigna.

     

    Sensazione di leggerezza, spensieratezza, ci si sente pervasi da una sensazione di benessere.

     

    La percezione visiva e uditiva cambiano, la musica è percepita in modo più intenso, le inibizioni diminuiscono, aumenta il bisogno di contatto fisico e si avverte un forte sentimento di comunione con gli altri (empatia).

     

    Inizio degli effetti

    Dopo circa 30 minuti. Attenzione, talvolta i primi effetti si percepiscono solo dopo 90 minuti o più!

     

    Durata degli effetti

    4 – 6 ore. 

     

    Effetti secondari

    Da 2 a 24 ore.

     

  • Rischi e effetti collaterali Open or Close

    Gli effetti collaterali sono intorpidimento mandibolare, tremore muscolare, nausea, vomito e aumento della pressione sanguigna.

     

    L’ecstasy mette sotto pressione il cuore, il fegato e i reni.

     

    A causa dell’aumento della temperatura corporea: rischio di colpi di calore.

     

    In caso di sovradosaggio si possono verificare crampi muscolari e allucinazioni. Il consumo di MDMA causa raramente anche attacchi d’asma e crisi epilettiche!

  • Rischi a lungo termine Open or Close

    Il consumo regolare di elevate quantità di ecstasy può modificare il sistema di rilascio della serotonina.

     

    In caso di sovradosaggio ripetuto o di pause troppo corte tra un’assunzione e l’altra, aumenta il rischio di una riduzione temporanea della capacità intellettuale e della percezione spaziale (soprattutto se il consumo non è interrotto).

  • Safer use Open or Close
    • Per conoscere il contenuto e il dosaggio, bisogna far analizzare la pasticca (drug checking).

    • Se non è possibile fare un’analisi chimica, prova prima mezza pastiglia, bisogna aspettare almeno 2 ore e valutare l’intensità degli effetti.

    • Evitare di aumentare il dosaggio (ricaricare).

    • Bere acqua o bibite isotoniche a sufficienza (5 dl ogni ora).

    • Fare delle pause mentre si balla e uscire di tanto in tanto a prendere una boccata d’aria.

    • Evitare di consumare MDMA subito dopo mangiato o a stomaco vuoto. Piuttosto fare un pranzo leggero e facilmente digeribile qualche ora prima di consumare.

    • Quando gli effetti svaniscono, bisogna accettare la discesa. Ricaricare non permette di raggiugere i medesimi effetti perché le riserve di serotonina sono esaurite.

    • Prendi il tempo per recuperare e fai regolarmente delle pause durante le quali non consumi (almeno 4 – 6 settimane) per permettere di ristabilire i livelli di serotonina nel cervello.

    • Le persone che soffrono di malattie cardiache, ipertensione, malattie del fegato o dei reni, ipertiroidismo o di problemi circolatori, non devono consumare MDMA!

 

Danno.ch 2017 © | contatti | info@danno.ch | informazioni legali | impressum | mappa del sito | login

 

 

 

© 2017 - danno.ch

Cerca