Informazioni sul consumo ricreativo di sostanze psicoattive     Informazioni sul consumo ricreativo di sostanze psicoattive     Informazioni sul consumo ricreativo di sostanze psicoattive     Informazioni sul consumo ricreativo di sostanze psicoattive     Informazioni sul consumo ricreativo di sostanze psicoattive     Informazioni sul consumo ricreativo di sostanze psicoattive

Il mefedrone (methylmethcathinon / 4-MMC, metcatinone (2-metilammino-1-fenilpropano), è anche conosciuto come “meow meow”, “m-cat”, “bubbles”, “miaow”, “meph” e talvolta è spacciato come “sale da bagno”. Si tratta di una sostanza prodotta sinteticamente, strettamente imparentata con la cathina, il principio attivo contenuto nella pianta del khat. La differenza tra il mefedrone e la pianta del khat è paragonabile a quella tra la cocaina e le foglie di coca.

 

ASPETTO

Polvere bianca cristallina.

 

MODALITÀ DI CONSUMO

Il mefedrone è sniffato, più raramente fumato, ingerito o iniettato.

 

DOSAGGIO

Sniffato 50-70 mg (non superare mai i 300 mg in un’unica occasione!).

 

Attenzione ai mix con...

Speed, ecstasy e la cocaina. 

 

GRUPPO

Nuove sostanze psicoattive, empatogeni/entactogeni, stimolanti

 
icona nuove sostanze di sintesi
icona empatogeni
icona stimolante

  • Effetti Open or Close

    Gli effetti del mefedrone non sono per nulla paragonabili a quelli della pianta del khat e sono molto più simili a quelli di altri stimolanti come ad esempio lo speed. Gli effetti del mefedrone sopprimono il senso di stanchezza e di appetito, aumentano il bisogno di muoversi e le prestazioni fisiche, generano stati d’euforia e di grande loquacità, provocano disinibizione e stati di agitazione interiore e d’iperattività.

     

    Inizio degli effetti

    Sniffato da 10 a 20 minuti dopo l’assunzione; ingerito da 30 a 45 minuti.

     

    Durata degli effetti

    Dosaggi inferiori ai 30 mg: da 3 a 5 ore; dosaggi più elevati (oltre i 70 mg) fino a 24 ore.

     

    Effetti secondari

    Da 2 a 24 ore. 

  • Rischi e effetti collaterali Open or Close

    Il mefedrone logora il cuore e il sistema circolatorio, provoca secchezza della bocca e dilata fortemente le pupille.

     

    Inizialmente gli effetti sembrano piuttosto leggeri e dunque, in caso di assunzioni ripetute, il rischio di sovradosaggio è elevato. Un sovradosaggio può causare palpitazioni al cuore, disturbi gastrici, irrequietezza e disturbi del sonno.

     

    Alcuni consumatori lamentano un aumento dello stimolo e difficoltà di minzione nonché stati depressivi con lo svanire degli effetti.

     

    Il mefedrone può contenere numerose impurità e grandi quantità di sostanze di “taglio”, poiché generalmente prodotto in laboratori clandestini.

  • Rischi a lungo termine Open or Close

    È possibile sviluppare una dipendenza con sintomi fisici, psichici e «craving».

     

    In caso di assunzioni regolari di elevate dosi di mefedrone, i rischi fisici e psichici sono paragonabili a quelli dello speed, della cocaina o della metamfetamina: problemi di concentrazione, memoria a breve termine e disturbi nel linguaggio.

  • Safer use Open or Close
    • È possibile sviluppare una dipendenza con sintomi fisici, psichici e «craving» (voglia irresistibile di consumare).
    • In caso di assunzioni regolari di elevate dosi di mefedrone, i rischi fisici e psichici sono paragonabili a quelli dello speed, della cocaina o della metamfetamina: problemi di concentrazione, memoria a breve termine e disturbi nel linguaggio.
    • Safer Use
    • Dosare con prudenza e non assumere subito alti quantitativi soprattutto ai primi consumi (max. 50 mg).
    • Il consumo di alcol aumenta gli effetti collaterali e i danni ai reni e al fegato.
    • È importante bere regolarmente acqua o succhi di frutta, ma non in misura eccessiva, poiché l’orinazione può essere faticosa.
    • Il mefedrone ha un’azione fortemente logorante sull’organismo. Occorre perciò pause regolari fra un consumo e l’altro, e concediti un sufficiente riposo. Un’alimentazione equilibrata e sana, con un sufficiente apporto di vitamine e sali minerali, favorisce il recupero.
    • In caso di sovradosaggio, il rischio d’ipertermia maligna (colpo di calore) è elevato. Accompagnare subito la persona all’aria aperta usando acqua o ghiaccio per abbassare la temperatura corporea e seguire le raccomandazioni nella sezione “in caso di emergenza”. 

 

Danno.ch 2017 © | contatti | info@danno.ch | informazioni legali | impressum | mappa del sito | login

 

 

 

© 2017 - danno.ch

Cerca