Informazioni sul consumo ricreativo di sostanze psicoattive     Informazioni sul consumo ricreativo di sostanze psicoattive     Informazioni sul consumo ricreativo di sostanze psicoattive     Informazioni sul consumo ricreativo di sostanze psicoattive     Informazioni sul consumo ricreativo di sostanze psicoattive     Informazioni sul consumo ricreativo di sostanze psicoattive

La mescalina è una sostanza allucinogena naturale della classe delle feniletilamine, tradizionalmente utilizzata dagli sciamani dell'America latina durante dei rituali.

 

ASPETTO

La mescalina si trova in cactus come il peyote (lophophora williamsii) o nella specie dei trichocereus (T. pachanoi, T. bridgesii, T. peruvianus) e in altri tipi di piante grasse. Estratta sotto forma di polvere, la mescalina si presenta in polvere soprattutto come solfato o cloridrato di mescalina; più raramente come citrato o acetato di mescalina.

 

MODALITÀ DI CONSUMO

Orale (ingerita).

 

DOSAGGIO

Gli effetti sono percepibili con dosaggi di circa 200–400 mg. Occorre calcolare tra 3 e 5 mg per kg di peso corporeo.

 

Attenzione ai mix con...

Canapa, LSD, psilocibina, DMT, 2C-X

 

GRUPPO

Psichedelici

 
Categoria psichedelici

  • Effetti Open or Close

    Prima della salita degli effetti, si manifestano spesso nausea e vomito. Il «trip» è caratterizzato da un'iniziale iperattività e stati di agitazione.

     

    In seguito, le percezioni sono più intense, soprattutto a livello visivo nella percezione dei colori. In una seconda fase, si possono vivere esperienze di profonda concentrazione meditativa.

     

    I consumatori parlano di visioni e di un senso di euforia mistica, della sensazione di aver vissuto un'esperienza rivelatrice, della modifica nella percezione di sé e da un sentimento di dissoluzione dell'Io.

     

    Inizio degli effetti

    45–90 minuti.

     

    Durata degli effetti

    6–9 ore; a volte fino a 12 ore.

     

    Effetti secondari

    2-5 ore.

  • Rischi e effetti collaterali Open or Close

    A dosaggi elevati (superiori a 2 g), la mescalina ha un effetto tossico e può causare danni al fegato e arresti respiratori.

     

    Altri effetti collaterali possono essere l’aumento della frequenza cardiaca e della pressione cardiocircolatoria, secchezza della bocca seguita da un aumento della salivazione, dilatazione delle pupille, aumento della temperatura corporea, diminuzione dell'appetito.

     

    In caso di vomito, il rischio di soffocamento è elevato!

     

  • Rischi a lungo termine Open or Close

    Perdita di contatto con la realtà.

     

    Il pericolo maggiore, anche consumando solo una volta, è che si manifestino disturbi psichici già presenti nelle persone vulnerabili. 

  • Safer use Open or Close
    • La mescalina non è una droga da party e dovrebbe essere utilizzata solo da consumatori che hanno già avuto esperienze con altri psichedelici.
    • Non assumere mescalina se non ci si sente in perfetta forma fisica e psichica (buon «set»).
    • Consumare solo in un ambiente in cui ci si sente a proprio e con persone di fiducia che sanno di cosa si tratta (buon«setting»). Evitare le strade e altri luoghi «pericolosi», poiché la capacità di orientamento è compromessa.
    • Se si consuma della mescalina nonostante i rischi, non bisogna avere paura, ma bisogna essere consapevoli dei pericoli. Se si ha paura degli effetti della mescalina è meglio rinunciare al consumo.
    • La mescalina dovrebbe essere assunta a stomaco vuoto. Il digiuno prima dell'assunzione fa diminuire la probabilità di nausea e vomito.
    • Per ridurre il senso di nausea, è meglio consumare piccole dosi. Anche se la salita degli effetti è lenta, non aumentare il dosaggio.
    • Dopo il trip bisogna concedersi almeno un giorno di tranquillità per elaborare l’esperienza e ristabilire un nuovo equilibrio
    • Un trip di mescalina dovrebbe rimanere un'esperienza del tutto eccezionale che non bisogna ripetere di frequente.
    • In caso di panico o di «bad trip» si possono seguire le raccomandazioni nella sezione «in caso di emergenza».
    • Le persone che soffrono di malattie psichiche (in particolare chi assume neurolettici), di problemi cardiaci o circolatori, dovrebbero rinunciare al consumo. 

 

Danno.ch 2017 © | contatti | info@danno.ch | informazioni legali | impressum | mappa del sito | login

 

 

 

© 2017 - danno.ch

Cerca